Ad un certo punto non ci si capisce quasi niente

Il termine GNU indica un sistema operativo distribuito come software libero quindi gratuitamente utilizzabile, liberamente ispezionabile e per chi ne ha le capacità anche modificabile. In questo modo un sistema operativo risulta più trasparente oltre che più sicuro, permettendo il meno possibile l’azione di essere spiati, ad esempio dallo sviluppatore dello stesso sistema. Detto questo, appare ben chiaro quale sia l’obiettivo di un software libero appartenente a GNU, cosa molto meno chiara è il sentire usare un termine quasi sconosciuto nel mondo linux, almeno per me, come “GNUlebano”.

Se accostiamo questo termine a “Talebano” si capisce che sono simili e che vengono usati in modo poco rispettoso. Devo dire che siamo abituati al suono cattivo della parola “Talebano”, quel che invece mi ha colto di sorpresa è stato proprio il termine “GNUlebano” addossatomi.

A questo punto ho cercato di darmi una spiegazione per arrivare a capire meglio il significato dell’uno e quindi dell’altro termine, ma soprattutto cosa avrà voluto dirmi dandomi dello “GNUlebano” vediamo.

Wikipedia, per il termine “Talebano” recita:

Il termine talebani indica gli studenti delle scuole coraniche in area iranica, incaricati della prima alfabetizzazione, basata su testi sacri islamici. Il nome ha assunto notorietà a causa dell’improprio uso del termine da parte dei mezzi di comunicazione di massa per indicare la popolazione di orientamento religioso fondamentalista presente in Afghanistan e nel confinante Pakistan.

Insomma un talebano è uno studente che alla fine i media hanno scambiato per terrorista islamico, bene continuiamo la ricerca.

Cerca, cerca, ricerca ma niente non si trova nulla a riguardo tranne che altre persone alle quali sia stato addossato, quindi che vuol dire? Quale ignorante io sia, provo a darmi un significato:

Il termine gnulebano sembra indicare i sostenitori, gli sviluppatori, gli utilizzatori, i ridistributori di sistemi operativi, tutti gli aderenti al progetto GNU che dal 1984 si preoccupano di sviluppare un sistema operativo, GNU/Linux, GNU/Darwin, GNU/FreeBSD per tutti come alternativa ai sistemi proprietari.

Insomma uno GNUlebano sembra essere una persona che conosce e sostiene il software libero.

A questo punto credo non abbia molto senso utilizzare il termine per offenderla dato che sostiene la libertà del software come noi. Se non si è d’accordo con ciò che si dice nel confronto tra simili e si cerca di offendere gratuitamente tradendo il rispetto del dialogo, non si deve avere la presunzione di prevaricare sull’altro sentendosi minacciato, peggio ancora se senza motivo alcuno. Di queste scene se ne vedono decine nel mondo del software libero, che si tratti di sistema operativo o altro software ci si ritrova quasi sempre coinvolti in dimostrazioni gratuite di grandezza individuale che fa malissimo.

GNUlebani uniamoci! 🙂

 

Torna su