Cose da non fare con una email gratuita

noemaildaySi sa il web offre moltissimi servizi a costo zero per l’utente finale e uno di questi è in assoluto il servizio di posta elettronica ovvero la casella di posta elettronica personale. Chi naviga il web o usa uno smartphone ne possiede una anche se non sa di averla, ad esempio alcune persone acquistano uno smartphone, completano la fase di inizializzazione e ricevono un indirizzo di posta elettronica, se non ne sono già in possesso, in base al tipo di sistema operativo mobile che stanno usando.

GMAIL, LIVE, HOTMAIL, ICLOUD sono tra i big in assoluto che concedono caselle di posta elettronica gratuite e a pagamento, queste caselle vengono concesse a tutte le persone indistintamente dal tipo di utlizzo che ne faranno e tutti i servizi rimangono gratuiti fino all’esaurimento dello spazio di memorizzazione concesso. Ognuno usa la propria casella come vuole e la divulga agli amici e conoscenti in modo da essere contattato a quell’indirizzo, cosa buona e giusta. Il problema, se tale può definirsi e a mio avviso è serio, è rappresentato dall’uso sconsiderato che se ne fa, facciamo qualche esempio:

  • Sei un dirigente di azienda e usi la casella per le comunicazioni aziendali private;
  • Sei un dipendente di un’azienda, hai una casella aziendale e usi la tua per rispondere alle email ricevute sulla casella aziendale;
  • Sei un imprenditore e usi la casella per lavoro;
  • Sei chiunque puoi essere e ti fai inviare password di registrazione di altri servizi sulla tua casella gratuita.

Potrei continuare a fare esempi, arriverei a farti preoccupare ma non è il mio obiettivo come non lo è nemmeno dire che questi servizi sono dubbi. Voglio solo dire che una casella di posta elettronica concessa gratuitamente da una multinazionale è soggetta a scansione e tracciamento a scopo di marketing di tutti i dati che essa riceve e spedisce, ragion per cui se sei un dirigente, un imprenditore, un quadro di azienda o organizzazione qualsiasi evita di far transitare sulla tua casella dati importanti come password di servizi, bilanci econonomici di enti, informazioni riservate industriali o aziendali di qualsiasi genere o peggio ancora liste di dati sensibili protetti dal codice privacy.

Per tutto questo USA LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE O COMUNQUE DI TUA PROPRIETA’, solo così avrai tutelato te stesso e tutte le persone che si sono affidate a te incluso i tuoi clienti o soci nel caso di associazioni.