Mint la distribuzione Linux elegante

Linux ormai è un sistema operativo di tutto rispetto giunto ad un livello di aggiornamento e affidabilità da non invidiare nessun altro sistema operativo. Quindi Basta!! pensare che sia un sistema operativo di nicchia che per essere usato richiede una preparazione scientifica. Esistono diverse distribuzioni in rete, basta citare Debian, Ubuntu, Centos e molti altri che ormai hanno un livello di semplicità nella installazione incluso il suo aggiornamento che non richiedono nessuna esperienza tecnica per poterlo fare.

Negli ultimi tempi ci sono delle distrubuzioni nate da quelle citate prima che sono ancora più semplici e che sono fornitissime di tanto software gratuito da fare invidia ai sistemi a pagamento tradizionali. Una delle distribuzioni più quotate del momento è  Linux Mint, un derivato della Ubuntu e Debian molto potenziato, abbellito, reso molto più elegante e fornitissimo di driver multimediali.

Linux Mint è assolutamente da avere, dentro ci trovi tutto dai sistemi di programmazione ai software d’ufficio non per ultimi OpenOffice e LibreOffice oppure a tanti giochi, programmi di posta come Evolution e decisamente molto altro.

Se nel tuo pc hai già Windows, puoi installare Linux Mint e in fase di avvio del pc potrai scegliere quale avviare tra i due e la cosa sicura è che i due sistemi conviveranno senza alcun problema sullo stesso pc.

Di Linux Mint ne esistono diverse distribuzioni ma con diversi ambienti grafici ne cito alcuni, la versione LXDE, KDE, GNOME sono tutte uguali tranne che per l’interfaccia grafica, io personalmente uso la GNOME che trovo molto più originale e graziosa delle altre non per ultimo credo sia la più professionale.

Prova linux…

Aggiorniamo Cinnamon su Linux Mint 13 Maya alla versione 1.6

 

Linux Mint 13 Maya, a mio avviso si tratta della miglior distribuzione linux sul piano dell’usabilità. Fra tutte le versioni disponibili (mate, lmde, gnome…) trovo insuperabile la versione Cinnamon.

Linux Mint 13 Maya Cinnamon è dotato della versione 1.4, ma il rilascio della versione 1.6 avvenuta qualche giorno fa aggiunge molta più stabilità ed usabilità oltre che sostituire il file manager Nautilus con Nemo. La prima domanda dopo il rilascio è stata sicuramente “Ma posso aggiornare il mio Mint 13 a Cinnamon 1.6?”

La risposta è SI ed è possibile farlo in tranquillità grazie al repository Romeo già presente nella distribuzione.

Bene, allora procediamo ad aggiornare Cinnamon 1.4 alla nuova versione 1.6 su una distribuzione Mint 13 Maya.

  • Clicchiamo l’icona del gestore aggiornamenti sulla barra in basso a destra, inseriamo la pwd di root appena ci viene chiesta;

  • Attendiamo il controllo degli aggiornamenti disponibili ed eventualmente installiamo tutti quelli proposti poichè prima di aggiornare Cinnamon è corretto applicare tutti gli aggiornamenti di sistema.

  • Applicati tutti gli aggiornamenti proposti, clicchiamo dal menu MODIFICA la voce SORGENTI SOFTWARE

  • Abilitiamo la voce UNSTABLE PACKAGES (ROMEO) e clicchiamo sul pulsante “chiudi” ;
  • A questo punto clicchiamo sul pulsante AGGIORNA o REFRESH presente sul gestore aggiornamenti ed attendiamo la ricerca degli aggiornamenti Cinnamon alla versione 1.6

  • Alla fine della ricerca aggiornamenti verranno proposti gli aggiornamenti come nella figura qui sopra, installiamoli cliccando su Installa aggiornamenti ed attendiamo la fine dell’installazione.
  • Alla fine dell’aggiornamento, disattivare il repository Romeo,  riavviare il pc e riaccedere per ammirare la nuova versione Cinnamon 1.6 con il nuovo file manager Nemo che ha sostituito Nautilus.

 

Notare che al momento la versione 1.6 non è tradotta in modo integrale nella lingua italiana…

Aggiornare kernel e mesa in Ubuntu LTS 12.04 e derivate come ElementaryOS e Mint

logo-ubuntu_st_no®-black_orange-hexElemenatry OS Lunalinux-mint

Spesso può capitare che utilizzando versioni LTS a lungo supporto come Ubuntu 12.04 LTS e da essa derivate, ci si ritrovi ad avere versioni del kernel e driver della scheda video abbastanza datati. In questo caso si può verificare che ad esempio il nostro portatile consumi ancora abbastanza batteria perchè ha una versione del driver video no aggiornata quindi priva delle ottimizzazioni future specialmente nell’ottimizzazione delle prestazioni e dei consumi di batteria.

Considerato che la versione LTS di Ubuntu 12.04 ha al massimo un kernel alla versione 3.2 o 3.5 e un driver video mesa 8.04 forse è il caso di aggiornarlo pur rimanendo con la stessa stabilità della distribuzione LTS. Detto questo, possiamo avere tranquillamente una Ubuntu 12.04 oppure una ElementaryOS Luna o una Mint 13 con un kernel 3.12 e un driver mesa 9.2 ed il risultato in termini di efficienza energetica e prestazioni aumenta e non di poco.

Vediamo come aggiornare allora.

Aggiorniamo prima il Kernel alla versione 3.12 in questo modo:

  • Creaiamo una cartella
  • Apriamo il nostro browser preferito e scarichiamo nella cartella appena creata i files del kernel

Per distribuzione a 32 bit i files del kernel sono:

Per distribuzione a 64 bit i files del kernel sono:

A questo punto apriamo una finestra di terminale dalla cartella dove abbiamo scaricato i 3 files e digitiamo:

sudo dpkg -i linux-image-3.12.8*.deb linux-headers-3.12.8*.deb

Adesso riavvia il tuo pc e continua con l’aggiornamento dei driver Mesa.

Adesso aggiorniamo il driver Mesa alla versione 9.2 in questo modo:

Apri una finestra di terminale e digita singolarmente i seguenti comandi:

sudo add-apt-repository ppa:xorg-edgers/ppa

sudo apt-get update

sudo apt-get dist-upgrade

Finito il processo di scaricamento ed installazione, riavvia il pc.

Installiamo o aggiorniamo KDE 4.9 su Linux Mint

 

Vuoi installare o aggiornare la tua distribuzione con KDE 4.9?

Si può installare utilizzando i repository ppa backports ufficiali di Kubuntu, basta aprire  il terminale digitando quanto segue:

 

sudo apt-add-repository ppa:kubuntu-ppa/backports -y
sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade

 

Fatto questo, chiudi la sessione in corso, riaccedi e se KDE non è ancora alla versione 4.9 niente panico, attendi che il sistema ti presenti degli aggiornamenti da affettuare.

 

Procedi con gli aggiornamenti proposti, riavvia il pc e all’accesso troverai KDE 4.9 Plasma.

 

Attenzione alla fase degli aggiornamenti automatici, ti consiglio di estendere la voce DETTAGLI nella finestra di esecuzione degli aggiornamenti perchè potrebbe essere richiesto il tuo intervento per effettuare alcune selezioni.

 

L’immagine sopra raffigura una installazione di Linux Mint  13 con KDE 4.9 aggiornato dalla versione 4.8.4

Installazione Google Drive in Ubuntu e derivate

grive

Allo stato attuale non esiste il client ufficiale di Google Drive per Linux, questo non vuol dire che non è possibile installare ed usare il servizio in Linux.

A tal proposito esiste Grive che proponendosi come alternativa al client di Google per ambiente linux permette di usarne le funzionalità senza problemi.

L’installazione è molto semplice, basta eseguire i comandi indicati di seguito in una finestra terminale:

sudo add-apt-repository ppa:thefanclub/grive-tools

sudo apt-get update

sudo apt-get install grive-tools

Al termine dell’installazione basterà avviare Grive setup e seguire le indicazioni per completare la configurazione del servizio e creare la cartella di condivisione Google Drive nella propria home.

 Se dovesse accadere che la cartella Google Drive risulti inaccessibile digitare nel terminale il comando:

sudo chmod -R 777 Google\ Drive/

 

Linux Mint 64 bit contro 32 bit

Linux Mint ormai alla versione 11 denominata “Katya” è una tra le distribuzioni linux più eleganti che si possano avere se non la più elegante. E’ disponibile per processori a 32 e 64 bit e oltre che essere bella ha molti codec multimediali già installati. Io personalmente la uso da almeno 2 anni ed ho sempre usato la versione 64 bit che definivo molto più performante della sorella a 32 bit.

Altro punto di forza di Mint, come tutte le derivate da Ubuntu, è la possibilità di essere installata all’interno dei sistemi windows con una semplicità ed immediatezza unica. La versione 11 a 64 bit secondo me ha qualche problema di stabilità e compatibilità che la versione a 32 non ha. Per questo motivo quest’anno sono passato alla versione 32 bit e come avevo pensato non presenta nessun blocco e nessun problema nelle installazioni di sofware e compatibilità varie.