network

                       

Virtualbox o VMWare Workstation?

virtual-logoLa domanda sorge spontanea nel momento in cui hai bisogno di usare la virtual machine in rete locale tra host e guest ovvero quando dall’host devi collegarti ai servizi attivi nella macchina guest. Bene a quanto pare, leggendo in giro tra i forum e facendo esperienza con la mia installazione locale, Virtualbox crea qualche problema mentre VMWare Workstation al primo tentativo mi ha permesso di connettermi in http alla macchina guest senza problemi e in configurazione NAT.

Il mio obiettivo era installare in virtuale un LAMP server completo su una distribuzione Ubuntu Server 14.04 64bit, e collegarmi in http utilizzando il browser del mio pc (Ubuntu 16.04 (64 bit) cosa che è avvenuta in modo naturale utilizzando VMWare Workstation.

A questo punto mi interrogo su una cosa, è un bug di Virtualbox? Una svista? Un problema su Linux? Pare proprio che non vada bene anche in Windows se utilizzato in rete.

 

Wikileaks e le sue rivelazioni sulla privacy dei social network Facebook, Google e Yahoo!

Ho sempre creduto che concedere servizi in modo gratuito sulla rete non è sempre cosa fattibile a tutti i livelli e in genere quando ci si trova davanti a colossi commerciali è proprio difficile che ciò accada senza obiettivi principi. Ci sono molti casi giornalieri di violazione privacy in giro per il mondo e molti ambiscono a conoscere abitudini, interessi, amici, foto e tutto ciò possa servire per alimentare un proprio commercio di dati altrui avuti “GRATIS”.

Credo inoltre che pubblicare propri dati e abitudini debba essere fatto con coerenza e non in modo superficiale come purtroppo spesso accade. La superficialità della “concessione” dei propri dati avviene quasi sempre a causa della non conoscenza dello strumento usato per autopubblicarsi. Il concetto è semplice: “questa pagina è mia e non vi accede nessuno che io non voglia… per cui posso metterci tutte le mie cosucce in perfetta sicurezza…” in questo modo grossolano si da per scontato che tutto questo sia in realtà così. Sappiamo invece che la realtà è ben diversa molte volte da ciò che ci sembra o che qualcuno ci fa sembrare per invogliarci.

Ciò non vuole puntare il dito su nessuno ma è doveroso riflettere prima di pubblicare qualcosa in giro per la rete ovunque e qualunque sia il social network…

Credo sia doveroso riportare un articolo pubblicato su Benzene 4 Ever che include anche unìintervista a Julian Assange

Ognuno sia libero nella interpretazione e ne tragga le proprie conclusioni…

Facebook, ancora notizie strane.

Qualche giorno fa si è parlato di possibile SBOOM di Facebook e dei social network in Italia. A qualche giorno da quelle notizie se ne aggiungono altre basate su ricerche ufficiali fatte da Inside Facebook e riportate da Fullpress secondo le quali le presenze calano come anche le iscrizioni. Ma il dato più rilevante in assoluto è l’aumento di cancellazioni che sono state effettuate da questo colosso del social network.

Si cita come nell’arco di due mesi ci sia stato un vero e proprio declino delle presenze che ovviamente non lascia presagire che sia il crollo ma che in effetti ci sia qualcosa di strano. Facebook negli ultimi mesi ha migliorato molto la gestione della privacy rispetto a prima però è evidente che la stessa essendo ritenuta la cosa più importante in grado di tutelare le persone, non basti per allontanare definitivamente eventuali pericoli non derivanti da responsabilità diretta dello stesso social network ma da terzi che lo usano per scopri propri ma che in effetti possono costituire una vera minaccia per l’utente navigatore inesperto.

Uno dei punti nevralgici e delicati è rappresentata dall’enorme massa di foto raggruppate per album che chiunque è in grado di scaricare facilmente sul proprio pc all’insaputa delproprietario. Io personalmente credo che come Facebook anche tutti gli altri social network soffrono di questa “pecca” e che non siano in grado di assicurare all’utente la riservatezza di se stessi poichè non esiste in rete il concetto di sicurezza al 100%.

A ognuno le proprie riflessioni…