Facciamo accedere utenti Linux da Windows con NX

Voglio far notare che questo scenario è abbastanza frequente se parliamo di ambienti lavorativi in quanto moltissimi server aziendali si basano su piattaforme LINUX a differenza di molte workstation che invece si basano su Windows.

Per risolvere questo tipo di problema si ricorre all’uso di client NX compatibili con Windows ed uno di questi in particolare è NX Client for Windows.

 

Installiamolo (su windows ovviamente perchè il server è linux)!

 

 

 

  1. Scarichiamo il pacchetto di installazione da Nomachine.com
  2. Avviamo l’installazione cliccando due volte sul file scaricato;

 

Diamo un nome alla sessione ed inseriamo l’indirizzo IP del server linux nel quale abbiamo installato FreeNX.

 

 

Impostiamo il tipo di ambiente grafico su GNOME o su altro se è installato sul server linux.

 

 

Completiamo i passaggi ed inseriamo utente e password per essere autenticati su LINUX e clicchiamo Login.

 

 

 

Il risultato sarà l’apertura di una finestra windows con all’interno la nostra distro linux.

The nx service is not available or the nx access was disabled

The nx service is not available or the nx access was disabled, è un messaggio di errore generato dal server NX (NoMachine o FreeNX) che evidenzia l’impossibilità di avviare la sessione di amministrazione remota del server linux. In questo caso le operazioni da fare sono diverse in base alla situazione in cui ci si trova:

  • Il sistema NX è stato installato ma ancora non è stato utilizzato occore verificare la corretta installazione ed attivazione;
  • Il sistema NX è stato installato ed utilizzato senza problemi;

In ambedue i casi è possibile che la chiave di collegamento del client non coincida con quella installata sul server NX quindi occorre riallinearle semplicemente reinserendola sul client NX con questi semplici passaggi.

  1. Accedere alla sessione SSH sul server linux;
  2. Eseguire questo comando: cat /var/lib/nxserver/home/.ssh/client.id_dsa.key
  3. Copiare la chiave generata sulla finestra ssh
  4. Incollare sulla sezione CONFIGURE->KEY la chiave appena copiata dalla finestra ssh
  5. Verificare che l’utente di connessione sia quello corretto e riprovare la connessione.

Buon lavoro

Installiamo un server terminal su Ubuntu linux e derivate

Questo articolo tratta l’argomento FreeNX server che è open source e senza limitazioni alcune come del resto tutti i software GNU rilasciati per Linux da non confondere con NX Server Free Edition che essendo un derivato di FreeNX è totalmente commerciale e limitato a sole 2 connessioni remote.

FreeNX server è un demone per linux che rende accessibile da remoto una sessione grafica dell’ambiente desktop preferito GNOME, KDE ed altri. Qualcuno potrebbe dire: “Beh qual’è la novità? abbiamo vnc per fare questo!!” Ebbene VNC è un ottimo protocollo e semplice da usare ma esso non ti permette di accedere ad una sessione personale per ogni utente poichè finalizzata alla connessione di un singolo utente o di utenti multipli con condivisione del desktop.

 

FreeNX server invece crea totalmente una sessione per ogni utente come se fosse connesso in locale quindi emula alla perfezione un server per terminali remoti. Per collegarsi da remoto basterà usare un client NX. Vediamo come farlo su Ubuntu 12.04 e derivate…

 Apriamo una finestra del terminale e procediamo installando il server FreeNX:

 

sudo add-apt-repository ppa:freenx-team

sudo apt-get update

sudo apt-get install freenx

wget https://bugs.launchpad.net/freenx-server/+bug/576359/+attachment/1378450/+files/nxsetup.tar.gz

tar -xvf nxsetup.tar.gz

sudo cp nxsetup /usr/lib/nx/nxsetup

sudo /usr/lib/nx/nxsetup --install

sudo /etc/init.d/freenx-server restart

 

Adesso passiamo alla installazione del client QTNX da terminale:

 

sudo apt-get install qtnx

 

Siamo pronti alla connessione al server FreeNX per vedere il nostro desktop in una sessione remota, vediamo come preparare il nostro client QTNX

 

Avviamo QTNX dalle applicazioni oppure da terminale (non occorre essere root);

Configuriamo QTNX:

 

Inseriamo il nostro utente e pwd di accesso a linux ed impostiamo la qualità della sessione in LAN, ADSL ecc..

Clicchiamo su “configure”

Diamo un nome alla sessione, impostiamo l’indirizzo del server appena installato su “localhost” (perchè ci colleghiamo alla stessa macchina in cui abbiamo appena installato il server oppure metteremo un indirizzo IP o un indirizzo web se il server fosse situato in un posto geografico diverso), impostiamo il tipo di desktop che vogliamo usare e la risoluzione dello schermo e infine clicchiamo su Apply e OK chiudendo così la configurazione.

Clicchiamo adesso su “Connect” e a connessione avvenuta, vedremo il desktop come se fossimo in una classica sessione VNC ma come abbiamo detto prima siamo in una vera e propria sessione riservata come se fossimo collegati in locale.

Qui sopra vediamo una sessione NX di Mate realizzata con FreeNX e QTNX su una distribuzione Linux Mint 13 Maya.