Wikileaks e le sue rivelazioni sulla privacy dei social network Facebook, Google e Yahoo!

Ho sempre creduto che concedere servizi in modo gratuito sulla rete non è sempre cosa fattibile a tutti i livelli e in genere quando ci si trova davanti a colossi commerciali è proprio difficile che ciò accada senza obiettivi principi. Ci sono molti casi giornalieri di violazione privacy in giro per il mondo e molti ambiscono a conoscere abitudini, interessi, amici, foto e tutto ciò possa servire per alimentare un proprio commercio di dati altrui avuti “GRATIS”.

Credo inoltre che pubblicare propri dati e abitudini debba essere fatto con coerenza e non in modo superficiale come purtroppo spesso accade. La superficialità della “concessione” dei propri dati avviene quasi sempre a causa della non conoscenza dello strumento usato per autopubblicarsi. Il concetto è semplice: “questa pagina è mia e non vi accede nessuno che io non voglia… per cui posso metterci tutte le mie cosucce in perfetta sicurezza…” in questo modo grossolano si da per scontato che tutto questo sia in realtà così. Sappiamo invece che la realtà è ben diversa molte volte da ciò che ci sembra o che qualcuno ci fa sembrare per invogliarci.

Ciò non vuole puntare il dito su nessuno ma è doveroso riflettere prima di pubblicare qualcosa in giro per la rete ovunque e qualunque sia il social network…

Credo sia doveroso riportare un articolo pubblicato su Benzene 4 Ever che include anche unìintervista a Julian Assange

Ognuno sia libero nella interpretazione e ne tragga le proprie conclusioni…